ExploreAmsterdam – Sii curioso

ExploreAmsterdam – Sii curioso

Amsterdam è una città bellissima, molto affascinante. Per questo ed altri motivi, il numero di turisti in arrivo è in continua crescita, nel 2018 ne sono passati 19 milioni.

Come per qualsiasi altra città turistica, c’è una cosa che mi mette particolare tristezza: la totale ignoranza di certe persone e quel turismo che si limita a visitare musei sconosciuti fino al giorno prima per il semplice fatto che “si deve passare di lì perché lo dicono tutti“. Per poi tornare a casa e non sapere nemmeno che aspetto abbiano gli olandesi visto che, durante tutta la permanenza, si sono incontrati solamente altri turisti.

Per voi che siete appena tornati da Amsterdam e non sapete cosa raccontare ai vostri amici, oppure per voi che state organizzando una vacanza alternativa, ecco alcune caratteristiche di questa città che mi hanno sempre incuriosita.

Centesimi inesistenti

Prima cosa importantissima: si paga solo con il bancomat. Certo, i contanti esistono e vengono ancora utilizzati, ma non vi aspettate di poterli sempre usare. Sempre più spesso, bar e ristoranti accettano solamente pagamento con bancomat o carta di credito.

Cosa più importante di tutto: da anni ormai sono sparite le monete da 1 e 2 centesimi. Se pagate in contanti, l’importo viene semplicemente arrotondato. Insomma, non sperate di liberarvi di loro durante la vostra vacanza.

Autisti degli autobus sorridenti

In Italia non salutano nemmeno, ad Amsterdam sorridono e salutano ogni singolo passeggero che entra. A volte anche quelli che escono.

Case storte

Lo sanno tutti, le foto lo confermano: le case ad Amsterdam sono particolarmente storte. Ho sentito tante battute riguardanti architetti e ingegneri con una laurea acquistata al mercato ma poche persone conoscono le ragioni di questa stranezza:

  • Specialmente in passato, le case venivano costruite su dei pali di legno, come le palafitte. Questi pali si infilavano solamente nello strato argilloso che si trova sotto l’intera Amsterdam e affondavano così un po’ alla volta;
  • Oltre ad affondare, i pali di legno spesso marciscono quando si abbassa il livello dell’acqua;
  • Per avere più spazio in casa, molto ridotto al piano terra, gli olandesi costruivano i piani in alto più larghi rispetto a quelli bassi;
  • La parete pendente verso l’esterno semplifica l’utilizzo della carrucola per alzare i carichi ai piani superiori, minimizzando il rischio di rovinare la parete o la merce.

Privacy, quella cosa strana

Nelle case olandesi non esistono scuri, persiane o tapparelle. Solamente tende quasi sempre aperte. Basta fare una passeggiata in centro per vedere una famigliola che cena davanti alla televisione, una signora che si trucca prima di uscire di casa, un papà che gioca con il figlio, un signore seduto sul divano che legge il giornale.

La vecchiaia è un’invenzione umana

Gli olandesi nascono in sella alla loro bicicletta, quella bicicletta che non abbandoneranno fino a quando non moriranno. Pedalano ogni giorno della loro vita. Credo sia proprio per questo motivo che sono tutti in gran forma, magri e sportivi. E che le vecchiette di 70 anni ti superano senza fare il minimo sforzo, mentre tu stai lottando contro quel terribile vento.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.