Madda on the road – Giorno 3, Atene (Grecia)

Madda on the road – Giorno 3, Atene (Grecia)

La giornata inizia con la sveglia alle 4 di mattina. Alle 4:15, ho appuntamento con il taxi fuori dall’ostello. Si, ho deciso di trattarmi bene e di non passare la notte in aeroporto – considerato che avrei speso meno di 10 euro per una corsa col taxi.

Il tassista mi sta simpatico. È arrivato qualche minuto in anticipo, non parla una parola di inglese ma mi sorride e mi porta sana e salva in aeroporto.

Ho dormito male ma mi sono comunque di buonumore. Decido di arrotondare e dargli la mancia. Non so perché, ho semplicemente deciso che se la merita.

Arrivo al gate, manca poco più di un’ora al volo ed è giunto il momento di fare colazione. Scoprendo che mi manca 1 solo Lev – l’equivalente di 50 centesimi nostri – per riuscire a combinare caffè + qualsiasi cosa da mangiare.

Il mio stomaco opta per il cibo. La mia dipendenza da caffeina trasforma tutto il mio amore verso il tassista in odio. Odio profondo. Come può essermi venuto in mente di lasciargli la mancia?

Alle 8, atterro ad Atene e posso finalmente pagare in Euro il mio primo caffè della giornata.

Lezione del giorno: ricorda di essere egoista.

La mia guida personale di Atene

Dopo una passeggiata in centro, arrivo in ostello e conosco la mia compagna di stanza. Una ragazza del Myanmar la quale, in pochi minuti, diventa la mia guida.

Prima di tutto, mi porta a mangiare in un piccolo ristorante, Oinomageireio Epirus, dove fanno cibo locale a basso prezzo. Non appena finito il dessert – offerto dalla casa -, ha già l’itinerario pronto per il pomeriggio. La seguo diligentemente e – in poche ore – visitiamo tutti i posti che mi ero segnata nella lista dei must see (i classici, quelli che si trovano in qualsiasi pagina su Internet e che quindi non ripeterò di certo qui).

Bene, domani posso dormire.

Ma prima, cena greca. Da Savvas – 2 minuti a piedi dall’ostello – la bellezza di 12 Euro e la pancia troppo piena (si, mi pagano per fare pubblicità ai ristoranti).

Considerazioni varie

  • Passare da -4°C a +20°C in poche ore fa bene al cuore;
  • A scuola, la storia avrebbero dovuto insegnarmela portandomi a vedere questi posti. Probabilmente, sarei stata in grado di capirla – e di ricordarla;
  • Nonostante sia assai caotica, Atene mi piace di più di Sofia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.