Non accorgersi del tempo che passa

Non accorgersi del tempo che passa

Bisogna sempre fare molta attenzione a come si usano le parole. Ho un’idea ben precisa in testa di ciò che vorrei trasmettere con questo post, eppure ho sbagliato ad esprimerla già a partire dal titolo.

Eliminerò subito ogni dubbio: non è bello quando ti guardi indietro e realizzi che il tempo è passato troppo in fretta e non sei riuscito a combinare nulla di soddisfacente negli ultimi mesi o addirittura anni. Intendo ben altro con questo titolo: è meraviglioso quando stai facendo qualcosa che ti piace, pensi che siano passati solo dieci minuti da quando hai iniziato, guardi l’orologio e ti rendi conto che sono passate ore.

Ultimamente ero un po’ annoiata dal lavoro. Non riuscivo a trovare soddisfazioni e mi sembrava di passare le mie giornate aspettando che arrivasse qualcos’altro nella mia vita. Io non voglio essere quel tipo di persona. Anzi, non lo sono solitamente. Ma come capita a tutti, anche io ho i miei periodi così.

Sabato andrò in Islanda con il mio ragazzo. È il mio sogno da anni e finalmente riesco ad avverarlo. Poiché non so se mai riuscirò a tornarci, e vista l’importanza di questo viaggio, ho deciso che di organizzarlo davvero bene. Dopo aver letto un’intera guida da 360 pagine, ho stampato una mappa, acceso il computer e iniziato a fare la lista di tutto ciò che avrei voluto vedere. Ho passato intere serate a far ciò, senza mai accontentarmi, cercando sempre di più. Improvvisamente avevo più energia del solito, andavo a dormire più tardi e il giorno dopo andavo al lavoro saltellando.

Da quando ho iniziato ad organizzare questo viaggio le ore sono passate velocissime, le giornate pure. E tra due giorni saremo in partenza.

La conclusione? Se ti dimentichi dei minuti che passano, allora stai vivendo le tue giornate nel modo giusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.